SKI SPIRIT. Sciare oltre le piste
Salotto letterario

SKI SPIRIT. Sciare oltre le piste

di Giorgio Daidola, Alpine Studio. Mirella Tenderini dialoga con l'autore.

Lontani dalle piste, comincia l’avventura. Lo sci non è solo autostrade della neve ripetitive e affollate.
Giorgio Daidola lo vive nel freeride, nello scialpinismo classico, nei lunghi raid, nelle spedizioni sulle grandi montagne del pianeta bianco.
È lo Ski spirit, il mondo percorso scivolando. È un viaggio leggero, il suo, da quando ha scelto il telemark come modo di sciare libero per eccellenza. Così ha raggiunto gli ottomila metri dello Shisha Pangma e ha affrontato le traversate del Karakorum, dello Hielo Continental, delle montagne del Libano, delle Alpi neozelandesi. Quando si parte, gli sci sono come lo spazzolino da denti, guai dimenticarli a casa.
Lo Ski spirit però non è solo questo. È anche viaggiare con la fantasia, tentare nuove forme di espressione, soprattutto piacere di condividere. Ski spirit è sognare l’avventura più completa, quella che coinvolge il mare e la montagna, l’acqua e la neve, sulle tracce di Fridtjof Nansen, di Eric Shackleton, Bill Tilman e Bob Shepton.
È un cerchio che si chiude, per ricominciare da capo.

Spazio espositivo MontagnaLibri
Piazza Fiera - Trento

04/05/2016
17:30


Proiezioni