Ospiti

Armando Aste

Armando Aste

Armando Aste è nato a Isera, in provincia di Trento, il 6 gennaio 1926. Ha svolto la sua attività alpinistica soprattutto nelle Dolomiti, dove ha risolto numerosi problemi di estrema difficoltà: prime ascensioni assolute, prime invernali e prime solitarie di livello internazionale sono il curriculum di questo alpinista che per umiltà e modestia non è mai giunto alla ribalta ed è poco noto al pubblico non alpinistico.

Biografia e appuntamenti

Armando Aste è nato a Isera, in provincia di Trento, il 6 gennaio 1926. Ha svolto la sua attività alpinistica soprattutto nelle Dolomiti, dove ha risolto numerosi problemi di estrema difficoltà: prime ascensioni assolute, prime invernali e prime solitarie di livello internazionale sono il curriculum di questo alpinista che per umiltà e modestia non è mai giunto alla ribalta ed è poco noto al pubblico non alpinistico. Forte di una profonda fede religiosa, Aste si è avvicinato alla montagna con grande rispetto per trarre esperienze valide alla propria vita spirituale. "Sono orgoglioso della mia fede che considero l'unica vera ricchezza che possiedo. Al di là di ogni falsa modestia, so di essere un uomo limitato ma ho imparato che credere è più importante di sapere, di capire e di qualsiasi impresa alpinistica". Tra le sue imprese più significative vanno citate la prima salita solitaria della via Couzy sulla parete nord della Cima Ovest di Lavaredo.

Don Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti

Nato il 10 settembre 1945 a Pieve di Cadore, a cinque anni si trasferisce insieme alla famiglia a Torino. Qui scopre la sua vocazione ed entra in seminario a Rivoli, dove verrà nominato sacerdote nel 1972.

Biografia e appuntamenti

Nato il 10 settembre 1945 a Pieve di Cadore, a cinque anni si trasferisce insieme alla famiglia a Torino. Qui scopre la sua vocazione ed entra in seminario a Rivoli, dove verrà nominato sacerdote nel 1972. Inizia a lavorare all’interno degli Istituti di pena e specialmente nelle carceri minorili. Sono gli anni dell'arrivo improvviso e devastante della droga e don Ciotti apre prima un Centro di accoglienza e ascolto e, nel 1974, la prima comunità. Fonda l’associazione “Gruppo Abele”, un'organizzazione che opera all’interno delle carceri minorili rivolta al recupero dei giovani con problemi di droga e alcolismo. Negli anni ottanta l’impegno nell’assistenza ai malati di Aids lo porta a diventare il primo presidente di Lega Italiana Lotta all’AIDS. Si imbatte quindi nella terribile realtà delle Mafie e inizia la sua lotta dando vita a Libera, una rete che coordina nell’impegno della lotta alla mafia oltre 1500 associazioni e gruppi sia locali che nazionali. Don Luigi Ciotti è autore di diversi libri di carattere religioso e sociale tra cui Giustizia, antimafia e bene comune (con Giacomo Panizza e Carlo A. Romano, Liberedizioni, 2015) e La speranza non è in vendita (Giunti, 2012)

Fabio Palma

Fabio Palma

Appassionato di scrittura, lettura, alpinismo e arrampicata, attualmente è Presidente dei Ragni di Lecco, per cui si occupa direttamente della rivista Stile Alpino e della produzione di video e film.

Biografia e appuntamenti

Nato nel 1965, Fabio Palma si è laureato nel 1990 in Ingegneria nucleare. Appassionato di scrittura, lettura, alpinismo e arrampicata, attualmente è Presidente dei Ragni di Lecco, per cui si occupa direttamente della rivista Stile Alpino e della produzione di video e film. A livello professionale ha svolto attività di project manager a livello internazionale.

Ferdinando Boero

Ferdinando Boero

Ferdinando Boero è biologo marino, autore di oltre duecento pubblicazioni scientifiche e otto volumi, tra cui Ecologia della bellezza (Besa, 2006) ed Ecologia ed evoluzione della religione (Controluce, 2008). Insegna all’Università del Salento ed è associato al Cnr-Ismar, l'Istituto di scienze marine del Centro Nazionale della Ricerca.

Biografia e appuntamenti

Ferdinando Boero è biologo marino, autore di oltre duecento pubblicazioni scientifiche e otto volumi, tra cui Ecologia della bellezza (Besa, 2006) ed Ecologia ed evoluzione della religione (Controluce, 2008). Insegna all’Università del Salento ed è associato al Cnr-Ismar, l'Istituto di scienze marine del Centro Nazionale della Ricerca. Nel 2006 ha ricevuto la Médaille Albert Premier per l’oceanografia. Ha dedicato una medusa a Frank Zappa (Phialella zappai) e a sua volta Zappa lo ha ringraziato dedicandogli la canzone Lonesome Cowboy Nando. A proposito di questa attribuzione ha dichiarato:"Nella Genesi c’è il primo incarico che Dio ha affidato all’uomo: dare il nome agli animali. Visto che sono un tassonomo, e do il nome agli animali, si può dire che sono in missione per conto di Dio, come i Blues Brothers. Ho chiamato Phialella zappai una medusa in onore del grande musicista Frank Zappa. Lui mi ha dedicato una canzone. Queste sono le “bellezze” della vita». Recentemente è stato inserito nel Marine Board della European Science Foundation.

Franco Brevini

Franco Brevini

Franco Brevini è professore di Letteratura italiana e di Letteratura italiana contemporanea presso l'Università di Bergamo e l'Università Iulm di Milano. Collabora da una ventina d'anni al Corriere della Sera.

Biografia e appuntamenti

Franco Brevini è professore di Letteratura italiana e di Letteratura italiana contemporanea presso l'Università di Bergamo e l'Università Iulm di Milano. Collabora da una ventina d'anni al Corriere della Sera. È stato responsabile scientifico per l'Anno Internazionale delle Montagne proclamato nel 2002. Nel 2003 è stato direttore scientifico del Progetto Montagne Sicure, varato dal Governo italiano e gestito dall'Istituto Nazionale di Ricerche sulla Montagna in collaborazione con diversi altri enti. Sempre nel 2003 ha condotto su Rai3 la trasmissione settimanale QM-Qui Montagne. È presidente della giuria internazionale del FilmFestival di Sondrio Mostra internazionale dei documentari sui parchi. Ha pubblicato una ventina di volumi fra cui Pasolini (Mondadori, 1981), Poeti dialettali del Novecento (Einaudi, 1987), Le parole perdute. Dialetti e poesia nel nostro secolo (Einaudi, 1990), La poesia in dialetto. Storia e testi dalle origini al Novecento (Mondadori 1999), La letteratura degli italiani (Feltrinelli 2010). Ha inoltre pubblicato volumi autobiografici legati alla sua passione per i viaggi e l'alpinismo: Ghiacci. Uomini e avventure dalle Alpi al Grande Nord (Mondadori 2002), Rocce. Dal Borneo alle Lofoten, dalle Alpi al Sahara. Avventure di uomini in scalata (Mondadori 2004), oltre al volume storico La sfinge dei ghiacci. Gli italiani alla scoperta del Grande Nord (Hoepli 2009).

Giorgio Daidola

Giorgio Daidola

Giorgio Daidola è nato a Torino nel 1943. Insegna economia aziendale e gestione delle imprese turistiche presso l’Università di Trento dal 1975.

Biografia e appuntamenti

Giorgio Daidola è nato a Torino nel 1943. Insegna economia aziendale e gestione delle imprese turistiche presso l’Università di Trento dal 1975. Pubblicista iscritto all’Ordine dei giornalisti dal 1983, maestro di sci emerito, direttore della Rivista della Montagna e dell’annuario Dimensione Sci per molti anni, ha pubblicato articoli e fotografie su tutte le più prestigiose riviste di outdoor italiane, francesi, spagnole, norvegesi, australiane e statunitensi. Ha partecipato come regista e come attore a parecchi film di sci e di montagna che hanno ricevuto premi nei principali festival.Collabora a riviste di montagna (SkiAlper) e di vela (Vela e Fare Vela).
Nel 1982 ha reintrodotto in Italia il telemark, ossia lo sci a talloni liberi, compiendo con questa tecnica spedizioni nei sette continenti, con il tetto massimo dello Shisha Pagma, prima discesa di un ottomila con l’antico stile norvegese. Con il telemark ha salito e sceso cime nei sette continenti e ha effettuato grandi raid nel Karakorum, nello Hielo Continental, nelle Rocky Mountains.
Con la sua prima barca, un Ranger 29 denominato Betemps come il famoso rifugio ai piedi del Monte Rosa, ha fatto una crociera pluriennale in Grecia e in Turchia nei primi anni ottanta.
È autore del libro Viaggio in Mediterraneo - Immagini, incontri, riflessioni di un velista curioso (Il Frangente Editore, 2013).

Gotthard Bonell

Gotthard Bonell

Gotthard Bonell nasce a Trodena nel 1953. Dopo gli studi all'Accademia di Belle Arti di Venezia e all'Accademia di belle arti di Brera inizia a seguire i corsi di pittura alla Internationale Sommerakademie di Salisburgo, dove insegnerà come assistente.

Biografia e appuntamenti

Gotthard Bonell nasce a Trodena nel 1953. Dopo gli studi all'Accademia di Belle Arti di Venezia e all'Accademia di belle arti di Brera inizia a seguire i corsi di pittura alla Internationale Sommerakademie di Salisburgo, dove insegnerà come assistente. Nelle sue opere adotta un linguaggio figurativo che incorpora e traduce in chiave contemporanea le influenze dei grandi maestri del Rinascimento italiano. Le sue opere sono presenti in numerose collezioni e musei.

John Porter

John Porter

Nato in Massachussetts, ha iniziato a scalare a vent’anni le pareti delle Montagne Rocciose e le cascate di ghiaccio del Canada.

Biografia e appuntamenti

Nato in Massachussetts, ha iniziato a scalare a vent’anni le pareti delle Montagne Rocciose e le cascate di ghiaccio del Canada. Si è trasferito in Gran Bretagna nei primi anni Settanta per lavorare all’università di Leeds, dove è divenuto subito membro della celebre comunità alpinistica studentesca e dove ha conosciuto Alex MacIntyre e il fiore dell’alpinismo inglese di quel periodo. Ha scalato Everest, K2 insieme a numerose altre vette. Ora vive a Lake District ed è vice presidente del British Mountaineering Council.

Luca Mercalli

Luca Mercalli

Luca Mercalli è presidente della Società Meteorologica Italiana, associazione fondata nel 1865. Dirige la rivista Nimbus e si occupa di ricerche sulla storia del clima e dei ghiacciai delle Alpi. Da anni è attivo nel campo della didattica per scuole e università.

Biografia e appuntamenti

Luca Mercalli è presidente della Società Meteorologica Italiana, associazione fondata nel 1865. Dirige la rivista Nimbus e si occupa di ricerche sulla storia del clima e dei ghiacciai delle Alpi. Da anni è attivo nel campo della didattica per scuole e università. Scrive come editorialista per La Stampa, dopo vent’anni trascorsi a La Repubblica. Fa parte dello staff della trasmissione Che tempo che fa e TGR Montagne, oltre a collaborare con la Radio Televisione Svizzera Italiana e il Climate Broadcast Network dell’Unione Europea, gruppo di presentatori meteo esperti in comunicazione del rischio climatico e ambientale. È componente del comitato scientifico di ASPO Italia, associazione per lo studio del picco del petrolio, e vive in una casa alimentata da energia solare. Tra i suoi libri: Filosofia delle nuvole e Che tempo che farà per Rizzoli, Viaggi nel tempo che fa per Einaudi e Prepariamoci per Chiarelettere (Premio Selezione Bancarella 2012).

Luca Schiera

Luca Schiera

Luca Schiera è nato a Erba nel 1990. È membro dei Ragni di Lecco dal 2013. Autore insieme a Matteo Della Bordella della prima salita della parete Ovest della Torre Egger, in Patagonia.

Biografia e appuntamenti

Luca Schiera è nato a Erba nel 1990. È membro dei Ragni di Lecco dal 2013. Autore insieme a Matteo Della Bordella della prima salita della parete Ovest della Torre Egger, in Patagonia (2013), è stato il primo a salire Torre di Uli Biaho, Nameless Tower e Grande Torre di Trango in una sola spedizione. Sull'arco alpino ha concentrato la sua attività principalmente in Val Masino, dove ha aperto numerose vie nuove.

Marco Albino Ferrari

Marco Albino Ferrari

Marco Albino Ferrari è nato a Milano nel 1965. Ha fondato e dirige la rivista Meridiani Montagne. Ha diretto il mensile Alp e ha collaborato con la casa editrice Einaudi.

Biografia e appuntamenti

Marco Albino Ferrari è nato a Milano nel 1965. Ha fondato e dirige la rivista Meridiani Montagne. Ha diretto il mensile Alp e ha collaborato con la casa editrice Einaudi. Negli anni novanta ha curato la collana I Licheni. Ha realizzato numerosi programmi radiofonici, documentari e spettacoli teatrali. 
Tra i suoi libri Frêney 1961 (Vivalda, 1996; Corbaccio, 2009), Il vuoto alle spalle, storia di Ettore Castiglioni (Corbaccio, 2000), Terraferma (Corbaccio, 2002), In viaggio sulle Alpi (Einaudi, 2009), La sposa dell’aria (Feltrinelli, 2010), Alpi segrete (Laterza, 2011), Racconti di pareti e scalatori (a cura di, Einaudi, 2011), La via del lupo (Laterza, 2012). Scrive per La Stampa.

Martin Pollack

Martin Pollack

Martin Pollack è nato nel 1944 a Bad Hall, in Austria Superiore. Abita a Vienna, dove ha studiato slavistica e storia e cultura dell'Europa Orientale, di cui è considerato uno dei massimi esperti.

Biografia e appuntamenti

Martin Pollack è nato nel 1944 a Bad Hall, in Austria Superiore. Abita a Vienna, dove ha studiato slavistica e storia e cultura dell'Europa Orientale, di cui è considerato uno dei massimi esperti. Ha al suo attivo numerose traduzioni dal polacco. Fino al 1998 è stato corrispondente del settimanale Der Spiegel. In italiano sono apparsi Il morto nel bunker. Inchiesta su mio padre (Bollati Boringhieri, 2007), Assassinio del padre. Il caso del fotografo Philipp Halsmann (Bollati Boringhieri, 2009) e Paesaggi contaminati (Keller, 2016).

Matteo De Zaiacomo

Matteo De Zaiacomo

Matteo De Zaiacomo è nato a Sondrio nel 1993. È entrato nel gruppo dei maglioni rossi a dicembre 2014.

Biografia e appuntamenti

Matteo De Zaiacomo è nato a Sondrio nel 1993. È entrato nel gruppo dei maglioni rossi a dicembre 2014. Giovane di carattere e talento dell'arrampicata sportiva e del bouldering, negli ultimi anni si è cimentato in importanti salite alpinistiche, come quelle effettuate durante la spedizione in Kirghizistan dell'estate 2014 insieme a Luca Schiera.

Matteo Della Bordella

Matteo Della Bordella

Matteo Della Bordella è nato a Varese nel 1984. È membro dei Ragni di Lecco dal 2006 e del C.A.A.I. dal 2008, poche settimane fa ha ricevuto il premio "Grignetta d'oro 2015" per il miglior alpinista italiano dell'ultimo biennio.

Biografia e appuntamenti

Matteo Della Bordella è nato a Varese nel 1984. È membro dei Ragni di Lecco dal 2006 e del C.A.A.I. dal 2008, poche settimane fa ha ricevuto il premio "Grignetta d'oro 2015" per il miglior alpinista italiano dell'ultimo biennio. La sua attività spazia dall’arrampicata su roccia, all’alpinismo e alle spedizioni extraeuropee. Tra le sue salite più importanti ricordiamo la prima salita della parete Ovest della Torre Egger, in Patagonia (2013), la prima salita della parete Ovest della Torre di Uli Biaho (6109m), in Pakistan, e la recente spedizione “by fair means” allo Shark Tooth, in Groenlandia (2014).

Matteo Righetto

Matteo Righetto

Matteo Righetto è nato a Padova nel 1972. Ha esordito con Savana padana nel 2009 e ha pubblicato successivamente Bacchiglione Blues; un suo racconto è stato selezionato da Massimo Carlotto per la serie «10 racconti noir».

Biografia e appuntamenti

Matteo Righetto è nato a Padova nel 1972. Ha esordito con Savana padana nel 2009 e ha pubblicato successivamente Bacchiglione Blues; un suo racconto è stato selezionato da Massimo Carlotto per la serie «10 racconti noir» ed è apparso sul quotidiano il manifesto e un altro suo testo è stato selezionato per l’antologia Venice Noir curata da Maxim Jakubowski per Akashic Books (New York). Dirige il festival letterario internazionale «Sugarpulp», che si tiene ogni anno a Padova, e ha fondato recentemente la «Scuola Twain».

Mirella Tenderini

Mirella Tenderini

Ha fondato e diretto la prima agenzia letteraria internazionale per il libro d’arte e ha diretto una collana di libri di viaggio ed esplorazione.

Biografia e appuntamenti

Ha fondato e diretto la prima agenzia letteraria internazionale per il libro d’arte e ha diretto una collana di libri di viaggio ed esplorazione. Scrive per riviste italiane e straniere, traduce da diverse lingue ed è autrice di libri pubblicati anche all’estero, tra i quali Gary Hemming: Una storia degli anni Sessanta, Le nevi dell’Equatore: Kilimanjaro, Kenya, Ruwenzori, La lunga notte di Shackleton, Gauguin e Tahiti: Storia di una passione e, editi da Corbaccio, Vita di un esploratore gentiluomo. Il duca degli Abruzzi (con Michael Shandrick, 2006) e Tutti gli uomini del K2 (2014).

Neri Marcorè

Neri Marcorè

Neri Marcorè è nato a Porto Sant’Elpidio nel 1966 ed è una delle figure più brillanti e amate dal pubblico italiano. Attore di teatro e di cinema, conduttore televisivo, doppiatore e imitatore, inizia a lavorare in televisione nel 1990 a Stasera mi butto, condotto da Gigi Sabani.

Biografia e appuntamenti

Neri Marcorè è nato a Porto Sant’Elpidio nel 1966 ed è una delle figure più brillanti e amate dal pubblico italiano. Attore di teatro e di cinema, conduttore televisivo, doppiatore e imitatore, inizia a lavorare in televisione nel 1990 a Stasera mi butto, condotto da Gigi Sabani. La sua fortunata collaborazione con Serena Dandini inizia con Producer - Il grande gioco del cinema, cui fanno seguito Pippo Chennedy Show, La posta del cuore e L’ottavo nano, quando inizia le celebri imitazioni di Alberto Angela e Maurizio Gasparri. L’esordio cinematografico risale al 1994, con Ladri di cinema di Piero Natoli. Nel 2003 ottiene una nomination come migliore attore protagonista ai David di Donatello e si aggiudica il Nastro d’Argento con Il cuore altrove di Pupi Avati. Torna a lavorare con Pupi Avati in La seconda notte di nozze ed è nel cast di Baciami Piccina di Roberto Cimpanelli, L’estate del mio primo bacio di Carlo Virzi e Se devo essere sincera di Davide Ferrario. Debutta a teatro nel 1993 con La finta malattia di musica e negli anni successivi è impegnato in produzioni come California Suite e L’apparenza inganna, La lunga notte del dottor Galvan di Daniel Pennac e Un certo signor G., tratto dall’opera di Gaber.

Omar Pedrini

Omar Pedrini

Omar Pedrini nasce a Brescia il 28 maggio 1967. Si fa conoscere nell’ambiente musicale come leader dei Timoria dagli esordi alla pausa a tempo indefinito annunciata dal gruppo nel 2003. Numerose sono le attività esterne alla band, a partire dalla direzione artistica dal 1997 del Brescia Music Art.

Biografia e appuntamenti

Omar Pedrini nasce a Brescia il 28 maggio 1967. Si fa conoscere nell’ambiente musicale come leader dei Timoria dagli esordi alla pausa a tempo indefinito annunciata dal gruppo nel 2003. Numerose sono le attività esterne alla band, a partire dalla direzione artistica dal 1997 del Brescia Music Art, festival della contaminazione tra le arti. Il suo esordio solista risale al 1996. Nel 2004 esce VIDOMAR, anticipato dalla partecipazione a Sanremo con il brano “Lavoro inutile”. Nel giugno 2004 Pedrini subisce la rottura di un aneurisma e viene ricoverato e operato d'urgenza. La convalescenza della malattia lo allontana dalle scene per qualche tempo: ricomincia a occuparsi di musica nel 2005, apparendo in festival estivi, e dirigendo il festival Valtrompia MUSIC Art.
Dopo essersi impegnato in attività parallele come autore televisivo e docente presso il Master in Comunicazione Musicale dell'Università Cattolica, Omar si riavvicina alla musica suonata nel 2006, iniziando a lavorare a un nuovo disco, Pane, burro e medicine, che vede la luce nel maggio 2006.
Nel 2009 realizza una canzone per la colonna sonora del film di Pupi Avati Il figlio più piccolo, in cui interpreta anche un cameo. Nel 2010 esce un nuovo album intitolato La capanna dello zio rock e tre anni dopo pubblica Che ci vado a fare a Londra. Nel 2016 ha composto le musiche originali per La storia dell'orso, di Enrico Lando.

Patricia Rivadeneira

Patricia Rivadeneira

Attrice di grande fascino e talento, è stata una delle figure di riferimento dell'avanguardia cilena e dell'opposizione alla dittatura di Pinochet. Parallelamente alla sua carriera di attrice ha iniziato a lavorare come organizzatrice culturale.

Biografia e appuntamenti

Attrice di grande fascino e talento, è stata una delle figure di riferimento dell'avanguardia cilena e dell'opposizione alla dittatura di Pinochet. Parallelamente alla sua carriera di attrice ha iniziato a lavorare come organizzatrice culturale, curando e coordinando una serie di eventi che hanno segnato alcune tappe fondamentali nella storia culturale del suo paese e che hanno contribuito all'esplosione dell'avanguardia artistica e politica cilena. Trasferitasi in Italia nel 2000, è stata Addetta Culturale dell'Ambasciata del Cile dal 2001 al 2006. Tra il 2007 e il 2011 ha ricoperto l'incarico di Segretario Culturale dell'Istituto Italo-Latinoamericano. Nel 2012 ha ripreso la sua carriera di attrice, lavorando in Italia e Cile.

Peter Fill

Peter Fill

Peter Fill, originario di Castelrotto, è stato il primo atleta azzurro a guadagnare la testa della classifica generale della Coppa del Mondo dopo Alberto Tomba.

Biografia e appuntamenti

Peter Fill, originario di Castelrotto, è stato il primo atleta azzurro a guadagnare la testa della classifica generale della Coppa del Mondo dopo Alberto Tomba. Di madrelingua tedesca, dopo le scuole medie inizia a lavorare come carrozziere, impiego che abbandona presto per dedicarsi professionalmente allo sci alpino.
Nel 1999 ai Campionati italiani juniores conquista l'oro in tutte le specialità in cui gareggia. In ambito internazionale, nel febbraio 2002 si aggiudica il titolo di campione del mondo juniores in supergigante, un successo che gli permette di esordire in Coppa del Mondo nel 2002.
Il 29 novembre 2008, nella discesa libera di Lake Louise, ha conquistato la prima vittoria in Coppa, diventando il settimo italiano nella storia della Coppa del Mondo a vincere in discesa. Ai successivi Mondiali di Val-d'Isère del 2009 ha conquistato la medaglia d'argento nel supergigante sulla ripida e ghiacciata pista Face de Bellevarde. Ha partecipato ai XXI Giochi olimpici invernali di Vancouver 2010.
Nella stagione 2015/16, dopo aver vinto la discesa libera di Kitzbühel, si è aggiudicato la Coppa del Mondo di discesa libera, portando per la prima volta il trofeo maschile in Italia.

Reinhold Messner

Reinhold Messner

Nato nel 1944, è il più famoso alpinista e avventuriero della nostra epoca. Ha continuato ad aprire nuovi orizzonti come arrampicatore, scalatore d’alta quota ed esploratore estremo.

Biografia e appuntamenti

Nato nel 1944, è il più famoso alpinista e avventuriero della nostra epoca. Ha continuato ad aprire nuovi orizzonti come arrampicatore, scalatore d’alta quota ed esploratore estremo. In numerosi libri ha raccontato la sua ricerca di autorealizzazione attraverso imprese estreme. Come autore, e dal 1999 al 2004 come europarlamentare, si è battuto per un rapporto ecologicamente sostenibile con la natura. Messner è stato il primo uomo a conquistare tutti e 14 gli ottomila, e il primo a scalare l’Everest senza ossigeno. Messner ha attraversato a piedi la Groenlandia, il Tibet orientale, l’Antartide e il deserto del Gobi. Vive nel Castello di Juval, in Val Venosta, e a Merano.

Simone Moro

Simone Moro

Nato nel 1967, è atleta, istruttore federale, già allenatore della Nazionale Italiana di arrampicata sportiva. Pratica l’alpinismo a tempo pieno, ed ha partecipato a diverse spedizioni alpinistiche: Himalaya, Karakorum, Ande, Patagonia, Antartide, Thien Shan, Pamir.

Biografia e appuntamenti

Nato nel 1967, è atleta, istruttore federale, già allenatore della Nazionale Italiana di arrampicata sportiva. Pratica l’alpinismo a tempo pieno, ed ha partecipato a diverse spedizioni alpinistiche: Himalaya, Karakorum, Ande, Patagonia, Antartide, Thien Shan, Pamir. Il suo primo grande successo è stata la salita al Lhotse nel 1994. Altro importante risultato la “combinata 8b - 8000” nello stesso anno solare, il 1994, ossia il superamento in roccia di itinerari di difficoltà 8b e la salita di una montagna di oltre 8000 metri di quota senza ossigeno. Altre eclatanti salite sono state la tripla all’Everest nel 2000, nel 2002 e nel 2006 (quest’ultima in solitaria, in direzione sud-nord), la salita al Cho Oyu, il Broad Peak, la vetta del Vinson in Antartide. Nel 2003 ha salito il Kilimanjaro, l’Elbrus ed ha conseguito importanti riconoscimenti (Fairplay Pierre de Cubertin Trophy, Medaglia d’Oro al Valor Civile, David Sowles Award) a seguito del salvataggio estremo (operato sulla parete del Lhotse da solo, senza ossigeno e ad oltre 8000 metri) dell’alpinista inglese Tom Moores. Negli ultimi anni si contano la prima salita dell’inviolata parete nord-ovest del Baruntse Nord e la prima salita invernale assoluta del Shisha Pangma. Simone intende la propria attività non come scopo, ma come mezzo per scoprire le culture, i popoli, ma i propri limiti personali, tecnici e psicologici, nella consapevolezza che li si possa superare con la determinazione, la motivazione, l’allenamento. Nel 2016 è stato il primo a raggiungere la vetta del Nanga Parabat in invernale.

Spiro Dalla Porta Xydias

Spiro Dalla Porta Xydias

Nato nel febbraio del 1917 a Losanna da famiglia di origine greca, si è trasferito giovanissimo a Trieste, dove tuttora vive. Laureato in scienze politiche, è autore di 40 pubblicazioni sull’alpinismo e traduttore di numerose opere dall’italiano al tedesco.

Biografia e appuntamenti

Nato nel febbraio del 1917 a Losanna da famiglia di origine greca, si è trasferito giovanissimo a Trieste, dove tuttora vive. Laureato in scienze politiche, è autore di 40 pubblicazioni sull’alpinismo e traduttore di numerose opere dall’italiano al tedesco. Dalla Porta Xydias è attualmente socio onorario del Cai, presidente del GISM – Gruppo Italiano Scrittori di Montagna e Membro Emerito del Soccorso Alpino. Ha vinto numerosi premi ed è spesso invitato come relatore ai numerosi convegni che si tengono in tutta Italia sull’alpinismo e sulla montagna, anche se la sua vera vocazione è la scrittura, che occupa ormai gran parte del suo tempo.

Stefano Ardito

Stefano Ardito

Nato a Roma nel 1954, Stefano Ardito è giornalista e fotografo, regista di documentari e scrittore. Ha iniziato a scrivere guide nel 1980 ed oggi ha al suo attivo un centinaio di volumi dedicati alle montagne italiane e del mondo.

Biografia e appuntamenti

Nato a Roma nel 1954, Stefano Ardito è giornalista e fotografo, regista di documentari e scrittore. Ha iniziato a scrivere guide nel 1980 ed oggi ha al suo attivo un centinaio di volumi dedicati alle montagne italiane e del mondo. È stato tra i fondatori dell'associazione ambientalista Mountain Wilderness e tra gli ideatori del Sentiero Italia.
Si è avvicinato all’alpinismo nel 1973 grazie a un corso di arrampicata del CAI di Roma e la sua prima avventura lontana è stato un trekking ai piedi dell’Everest nel 1979. Da allora ha percorso i sentieri delle montagne di tutto il mondo (Himalaya, Karakorum, Borneo, montagne dell'Africa, Messico, Aconcagua, Patagonia, parchi degli USA e del Canada, massicci del Mediterraneo).
Nel 1980, insieme a un gruppo di amici, ha partecipato alla fondazione della Cooperativa La Montagna, una delle prime in Italia a occuparsi di escursionismo e di turismo nelle aree protette. Nel 1987 ha partecipato alla fondazione dell’associazione ambientalista Mountain Wilderness, da cui è uscito nel 1995.
La prima vera esperienza con la carta stampata risale al 1980 con Paese Sera, cui faranno seguito le collaborazioni La Repubblica, Airone e altre testate di viaggi e tempo libero. Oggi scrive per Dove, Meridiani, Plein Air, Qui Touring, Rivista della Montagna. Molto più lungo è invece l’elenco di guide e volumi che ha curato personalmente oppure a più mani.
Dopo aver collaborato come autore a vari programmi RAI, è stato scelto da Rai Tre per presentare, tra il 1991 e il 1993, un centinaio di puntate di Geo (oggi Geo&Geo). Conclusa l’esperienza di presentatore, si è dedicato alla realizzazione di documentari, prima come consulente e co-autore, e poi come regista.

Tamara Lunger

Tamara Lunger

Figlia del noto sci alpinista italiano Hansjörg Lunger, Tamara è nata e cresciuta in Alto Adige. Ha iniziato a praticare lo sci alpinismo nel 2002, ottenendo alcuni successi nelle gare classiche.

Biografia e appuntamenti

Figlia del noto sci alpinista italiano Hansjörg Lunger, Tamara è nata e cresciuta in Alto Adige. Ha iniziato a praticare lo sci alpinismo nel 2002, ottenendo alcuni successi nelle gare classiche. Nel 2007, alla sua seconda esperienza di arrampicata su ghiaccio, porta a termine l’ascesa della parete nord dell’Ortler (3905 m): si tratta della sfida per lei più estrema compiuta fino a questo momento. Nel 2009 Tamara ha la possibilità di andare per la prima volta in Nepal con una spedizione capeggiata da Simone Moro. L’obiettivo finale è il Cho Oyu (8201m) in Tibet, ma i programmi vengono ostacolati quando il governo cinese chiude il confine tra il Nepal e il Tibet. Tamara è determinata a tornare sull’Himalaya e l’anno seguente compie la sua prima ascesa di un 8000, diventando la donna più giovane ad aver mai scalato il Lhotse. Sempre nel 2010 intraprende una seconda spedizione sul Cho Oyu, ma questa volta da sola. Il suo primo tentativo in solitaria si conclude a 7750 metri. Questa spedizione viene purtroppo compromessa dalla tragica morte di un amico: Tamara contribuisce a recuperare la salma e, provando a riprendersi da questa terribile esperienza, tenta di nuovo la cima, ma senza successo. Nel 2011 Tamara compie una spedizione in Kirghizistan dove raggiunge la vetta Kahn Tengri con pessime condizioni atmosferiche. Nel 2014 è riuscita a completare la salita del K2 senza ossigeno. Nel 2015 ha tentato la salita invernale del Manaslu con Simone Moro.

Tom Ballard

Tom Ballard

Nato nel 1988 nel Peak District, Inghilterra, Tom Ballard è cresciuto nelle Highlands della Scozia, luogo dove ha imparato a sciare e ad andare sullo snowboard durante gli effimeri inverni delle Highlands scozzesi.

Biografia e appuntamenti

Nato nel 1988 nel Peak District, Inghilterra, Tom Ballard è cresciuto nelle Highlands della Scozia, luogo in cui si è trasferito nel 1995 e nel quale ha frequentato la scuola. Tom ha imparato a sciare e ad andare sullo snowboard durante gli effimeri inverni delle Highlands scozzesi, allacciando i suoi primi sci all’età di cinque anni e lo snowboard all’età di sette. Fin da giovane non ha mai avuto nessun altro desiderio o pensiero se non quello di diventare un climber. Il suo animo l’ha portato a confrontarsi sia con il bouldering che con le pareti alpine apprezzando entrambe le discipline. È un affezionato delle Dolomiti, luogo in cui ha scalato più di 160 vie, la maggior parte in solitaria. Durante la stagione invernale 2013 ha liberato la classica via Via Olimpia del Catinaccio, risalente al 1960, di grado F8. Tom, nel complesso, ha scalato e disceso più di 110 vie alpine, la maggior parte in solitaria.

Wu Ming 2

Wu Ming 2

Wu Ming 2 ha fatto parte del collettivo di scrittori Luther Blissett, autori del fortunato romanzo Q nonché di una serie di azioni situazioniste raccontate nel volume Totò, Peppino e la guerra psichica 2.0.

Biografia e appuntamenti

Wu Ming 2 ha fatto parte del collettivo di scrittori Luther Blissett, autori del fortunato romanzo Q nonché di una serie di azioni situazioniste raccontate nel volume Totò, Peppino e la guerra psichica 2.0. Con l'arrivo del nuovo millennio il collettivo ha cambiato nome in Wu Ming, che in cinese mandarino significa «senza nome». Ha collaborato alla stesura di diversi romanzi collettivi mentre come autore individuale ha pubblicato i romanzi Guerra agli umani (Einaudi, 2003), Timira (insieme ad Antar Mohamed, Einaudi, 2012) e Il sentiero degli dei (Ediciclo, 2015). Da anni cura una newsletter dalla quale sono stati estratti i materiali per la raccolta Giap!. Il sito ufficiale di Wu Ming è www.wumingfoundation.com.