65. Trento Film Festival

Dalle Alpi alle montagne del mondo, tutti i film dell'edizione 2017

Pubblicata il 04/04/2017

In programma 118 film da 32 paesi diversi, divisi nelle 10 sezioni del programma, tra cui il Concorso che assegnerà le Genziane d’Oro e d’Argento e premi per un totale di 17.000 euro, a cui sono stati ammessi 22 film, 15 lungometraggi documentari e 7 corti, di cui 19 in anteprima italiana e 8 diretti da donne, scelti tra gli oltre 600 film iscritti al festival


Tra i temi che emergono dal Concorso, le tensioni lungo alcuni dei confini al centro dell’attualità mondiale: quelli della Siria, osservata dalle montagne del Kurdistan e del Libano, quelli del Tibet e tra le due Coree.

Due autori italiani in Concorso: Alessandro Pugno con Jardines de Plomo girato sulle Ande peruviane, e Vito Palmieri con See you in Texas, titolo in inglese per un film interamente realizzato in Trentino.

Oltre alla presenza tradizionale degli appassionanti film di alpinismo, in Concorso anche l’esplorazione degli abissi con gli spettacolari Diving Into the Unknown e Life in Four Elements.

Apertura e chiusura all’insegna degli animali che regnano nei territori di montagna, nei grandi documentari Les Saisons diretto dall’attore e documentarista Jacques Perrin, La Principessa e l’Aquila e, in anteprima internazionale, La Vallée des loups.

Reinhold Messner protagonista anche del programma cinematografico, con la prima proiezione della versione cinematografica del suo esordio alla regia Still Alive, e come ispiratore dell’inclassificabile cortometraggio W in Concorso.

L’Himalaya fa da sfondo ai grandi lungometraggi in anteprima: il kolossal giapponese Everest — The Summit of the Gods dal manga di Taniguchi, l’acclamato film nepalese White Sun, la spettacolare avventura Soul on a String con i suoi i magnifici paesaggi tibetani.

Anteprima assoluta di grande attualità per Senza possibilità di errore sull’attività del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, noto ormai anche al grande pubblico per gli interventi in seguito ai terremoti in Centro Italia.

Tanta musica con il bizzarro Project Rockin’ High sul tentativo di una band heavy metal finlandese di entrare nel Guinness dei Primati con il concerto più in alto di sempre, al campo base dell’Everest, e con l’opera rock trentina Dolomitenfront.

Montagna e spiritualità nel film d’artista Ascent sul celebre monte Fuji in Giappone, in Strangers on the Earth sul Camino de Santiago, e in Concorso Becoming Who I Was su un bimbo ritenuto la reincarnazione di un maestro buddhista.

Ancora forte l’eco del terremoto in Nepal del 2015: immagini inedite della valanga al campo base dell’Everest in Too High to Fall in Concorso, e il racconto del martoriato Langtang dal lutto alla ricostruzione in Trembling Mountain.

Spazio al cinema di genere con la proiezione notturna di Attack of the Lederhosen Zombies, spassosa farsa splatter ambientata tra montagne e piste da sci tirolesi infestate di morti viventi

Debutto della sezione TFF Family con due film per i più piccoli: l’anteprima del capolavoro di animazione Sasha e il Polo Nord di Rémi Chayé (Tout en haut du monde nell’originale francese) e il restauro di Son tornata per te – Heidi di Luigi Comencini.

Scarica il comunicato, per leggere tutta la programmazione cinematografica.