65. Trento Film Festival

I PREMI UFFICIALI DEL 65. TRENTO FILM FESTIVAL

Pubblicata il 07/05/2017

È andata a “Samuel in the Clouds” di Pieter Van Eecke, vicenda umana esemplare degli effetti dei cambiamenti climatici, la Genziana d’Oro per il Miglior Film – Gran Premio Città di Trento della 65. edizione


Lo ha decretato la giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista), Gilles Chappaz (giornalista e regista), Fridrik Thor Fridriksson (regista e produttore cinematografico), Anastasia Plazzotta (produttrice e distributrice cinematografica) e Andrea Segre (regista). Genziana d’Oro per il Miglior Film di Alpinismo a Dhaulagiri, ascenso a la montaña blanca di Christian Harbaruk e Guillermo Glass , mentre la Genziana d’Oro per il Miglior Film di Esplorazione o Avventura – Premio Città di Bolzano va a Diving Into The Unknown di Juan Reina.  La Genziana d’Argento per il Miglior Contributo Tecnico-Artistico è stata assegnata a Life in Four Elements di Natalie Halla, mentre la Genziana d’Argento per il Miglior Cortometraggio è andata a The Botanist di Maxime-Lacoste Lebuis e Maude Plante-Husaruk. Si aggiudica il Premio della Giuria Gulîstan, Land of Roses di Zaynê Akyol,  Menzione speciale a Becoming Who I Was di Chang-yong Moon e Jin Jeon, che si aggiudica anche il Premio del pubblico – Miglior lungometraggio – Acqua Levico. Infine, il Premio del pubblico – Miglior film di alpinismo – Zeppelin, va ancora a Dhaulagiri, ascenso a la Montaña Blanca.