65. Trento Film Festival

Giuria

Timothy Allen

Timothy Allen

Timothy Allen è nato a Tonbridge, nel Kent. A 27 anni ha iniziato a frequentare un corso di fotografia a Hereford, durante il quale ha seguito e documentato il viaggio di un convoglio di aiuti umanitari a Mostar al termine della guerra in Bosnia.

Biografia completa

Timothy Allen è nato a Tonbridge, nel Kent. A 27 anni ha iniziato a frequentare un corso di fotografia a Hereford, durante il quale ha seguito e documentato il viaggio di un convoglio di aiuti umanitari a Mostar al termine della guerra in Bosnia. Una volta tornato ha iniziato a lavorare come fotografo per il Sunday Telegraph e per The Indipendent, diventando successivamente membro della Axiom Photographic Agency. In anni più recenti si è concentrato sulla produzione di lavori multimediali che lo hanno portato a viaggiare in diverse parti del mondo. Timothy partecipa regolarmente come commentatore televisivo e radiofonico a trasmissioni dedicate a viaggi ed esplorazioni. Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti tra cui il Picture Editors Guild Award, il Travel Photographer of the Year e due nomination per il British Press Award come fotografo dell’anno. Per il progetto Human Planet ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui due BAFTA, un Emmy e il ITB Cultural Book Prize.

Gilles Chappaz

Gilles Chappaz

Dopo quattro anni trascorsi a Parigi come vice direttore de L'Equipe Magazine, Gilles Chappaz divide la sua vita tra Grenoble e Chamonix, tra parole e immagini. Autore di libri su grandi personalità dello sci e della montagna, si dedica alla realizzazione di film documentari.

Biografia completa

Dopo quattro anni trascorsi a Parigi come vice direttore de L'Equipe Magazine, Gilles Chappaz divide la sua vita tra Grenoble e Chamonix, tra parole e immagini. Autore di libri su grandi personalità dello sci e della montagna, si dedica alla realizzazione di film documentari. Cresciuto in montagna, figlio di una guida alpina, condivide con il fratello gemello Xavier, Presidente della “Compagnie des Guides de Chamonix”, una passione viscerale per i territori montani e la loro storia. Dopo aver conseguito la qualifica di maestro di sci, si dedica al giornalismo, collaborando con riviste di montagna e sport montani. Dirige a lungo la prima rivista di sci francese Ski Français, per poi diventare capo redattore delle edizioni Glénat, oltre che consulente per la televisione (France Télévisions, TF1) e per la stampa quotidiana nazionale (Libération, Le Monde ). Nel 1985, insieme ad un gruppo di collaboratori, da vita alla trasmissione Montagne su FR3, per la quale ha realizzato diversi film premiati ai festival. Tra le sue opere ricordiamo i pluripremiati La Cordée de Rêve e Sur le Fil des 4000.

Fridrik Thor Fridriksson

Fridrik Thor Fridriksson

Fridrik Thor Fridriksson è nato a Reykjavik nel 1954. Inizia negli anni settanta a girare film sperimentali, i suoi riferimenti sono il cinema americano e Akira Kurosawa. Nel 1987 fonda la Icelandic Film Corporation, destinata a diventare la principale casa di produzione islandese per più di vent’anni.

Biografia completa

Fridrik Thor Fridriksson è nato a Reykjavik nel 1954. Inizia negli anni settanta a girare film sperimentali, i suoi riferimenti sono il cinema americano e Akira Kurosawa. Nel 1987 fonda la Icelandic Film Corporation, destinata a diventare la principale casa di produzione islandese per più di vent’anni grazie anche alle prestigiose collaborazioni internazionali come la American Zoetrope di Francis Ford Coppola e la Zentropa di Lars von Trier. Nel 1991 il suo secondo lungometraggio, Children of Nature, viene nominato agli Oscar come miglior film straniero. Ha collaborato con Einar Már Gudmundsson e Einar Kárason, due dei principali romanzieri islandesi, per scrivere le sceneggiature di alcune delle sue pellicole più importanti come Movie Days, Falcons e White Whales. Le sue storie sono intrise di un sense of humor sarcastico che esprime una profonda vicinanza ai suoi personaggi, due caratteristiche che insieme a uno stile visivo diventate un tratto caratteristico dei suoi film insiseme a uno stile visuale di grande suggestione. Il suo Angels of the Universe è stato visto da oltre la metà della popolazione islandese, a testimonianza della sua capacità di parlare tanto al grande pubblico quanto ai critici. Collabora occasionalmente con la televisione, che alterna con un’intensa attività di produttore e di sceneggiatore.

Anastasia Plazzotta

Anastasia Plazzotta

Dopo la laurea all’Università Ca’ Foscari di Venezia, un Master alla Scuola Holden e uno in produzione di documentari (Eurodoc), ha lavorato nella produzione cinematografica per sei anni (Fandango, Eskimosa) e nel settore della distribuzione (Feltrinelli Editore) per dieci.

Biografia completa

Dopo la laurea all’Università Ca’ Foscari di Venezia, un Master alla Scuola Holden e uno in produzione di documentari (Eurodoc), ha lavorato nella produzione cinematografica per sei anni (Fandango, Eskimosa) e nel settore della distribuzione (Feltrinelli Editore) per dieci. Nel 2014 ha fondato assieme a Gianluigi Valentini la società di distribuzione indipendente Wanted Cinema che ha portato a oggi in tutta italia oltre 20 titoli di cui, tra gli ultimi, David Lynch the Art Life e il candidato all Oscar I am not your Negro. Nel 2016 apre i battenti anche CineWanted, un sala indipendente a Milano dedicata al cinema di ricerca e “ricercato”. Anastasia è attualmente editor della collana homevideo Feltrinelli Real Cinema e amministratore unico di Wanted.

Andrea Segre

Andrea Segre

Regista di film e documentari per cinema e televisione, è anche dottore in ricerca in Sociologia della Comunicazione. Da oltre dieci anni presta particolare attenzione al tema delle migrazioni ed è socio fondatore di Zalab.

Biografia completa

Regista di film e documentari per cinema e televisione, è anche dottore in ricerca in Sociologia della Comunicazione. Da oltre dieci anni presta particolare attenzione al tema delle migrazioni ed è socio fondatore di Zalab.
Ha diretto due film lungometraggi, entrambi prodotti da JoleFilm: Io sono Li (candidato a 4 David di Donatello, vincitore di decine di premi internazionali, tra cui il Premio Lux del Parlamento Europeo, e distribuito in oltre 45 paesi) e La Prima Neve (sezione Orizzonti della 72 Mostra Internaizonale del Cinema di Venezia e vincitore del Festival di Annecy). Ha realizzato numerosi documentari: Marghera Canale Nord (2003, 60° Mostra Internazionale d'arte Cinematografica, menzione speciale al RomaDocFestival); A sud di Lampedusa (2006, premio MedFest al 10° MediterraneoVideoFestival; finalista al 13° Premio Ilaria Alpi), La mal'ombra (2007, 25° Torino Film Festival, 26° Uruguay Film Festival), Come un uomo sulla terra (candidato miglior documentario al David di Donatello, 2° SalinaDocFest; menzione speciale al premio Vittorio de Seta e Gran Prix TeleFrance CMCA), Magari le cosa cambiano (premio "Avanti!" al 27 Torino Film Festival) Il Sangue Verde (premio CinemaDoc alle Giornate degli Autori - 67 Mostra del Cinema di Venezia), Mare Chiuso (Globo doro come miglior documentario), Indebito (evento di apertura al Festival di Locarno), Come il peso dell'acqua (Candidato Miglior Documentario Nastri d'Argento 2014) e I Sogni del Lago Salato (selezione ufficiale Locarno 2015 e Giornate degli Autori - Venezia 2015 - Candidato Miglior Documentario Nastri d'Argento 2015 E DOC/IT AWARD). Nel 2014 ha pubblicato il libro FuoriRotta (Marsilio) collegato al progetto Furorirotta.org, sviluppato in collaborazione con Montura Editing e Internazionale.