Trento Film Festival 365

Il Trento Film Festival ospite ieri a Roma del prestigioso "Reale Circolo Canottieri Tevere Remo"

Pubblicata il 15/11/2016

Il Trento Film Festival, ieri, è stato ospite a Roma del prestigioso “Reale Circolo Canottieri Tevere Remo”, una delle associazioni sportive e culturali più importanti della Capitale e a livello nazionale.

Il Circolo ha dedicato al Trento Film Festival una serata durante la quale il presidente della rassegna, Roberto De Martin, ha illustrato la storia del primo e più antico festival al mondo del cinema di montagna, esplorazione e avventura che costituisce ancora oggi, a 64 anni dalla nascita, un punto di riferimento internazionale per tutti gli amanti di questo genere cinematografico, autori e distributori.

All’intervento di De Martin è seguita la proiezione del film Panaroma, del regista basco Jon Herranz, premio “Mario Bello” del Centro di Cinematografia e Cineteca del CAI al 64. Trento Film Festival, uno dei film più avvincenti della rassegna 2016 che racconta la straordinaria salita, ai limiti del possibile sulla omonima via della Cima Ovest di Lavaredo, portata a termine da due alpinisti, padre e figlio, superando passaggi estremi.

Ospite d’onore della serata dedicata al Trento Film Festival è stato l’ambasciatore del Cile in Italia, Fernando Ayala. Il Cile è stato il “Paese ospite” della 64. edizione del festival, al quale la rassegna ha dedicato, in collaborazione con l’Ambasciata, un ricco programma di eventi, incontri, mostre e proiezioni cinematografiche che hanno riscosso un notevole successo di pubblico.

Presenti alla serata di Roma anche il responsabile del Gruppo di Montagna “Edoardo Martinori” del Circolo, Claudio Staderini e numerosi rappresentanti del CAI.

Durante la manifestazione, condotta da Bruno Delisi, è stata infine presentata l’impegnativa impresa alpinistica realizzata questa estate sul Gran Sasso dai soci del Circolo appassionati di montagna, facenti parte del gruppo “Edoardo Martinori”, colto e instancabile esploratore di terre alte, partecipe alla fondazione del Tevere Remo e, successivamente nel 1873, della sezione di Roma del Club Alpino Italiano.