Monica: l’abbandono e il perdono

Pubblicata il 05/12/2022

Venerdì 9 dicembre al Supercinema Vittoria di Trento proiezione speciale dell’ultimo film del regista trentino Andrea Pallaoro, presente in sala.
Evento a ingresso gratuito realizzato grazie alla collaborazione tra Comune di Trento, Trentino Film Commission e Trento Film Festival.


Da Trento a Venezia, passando dagli Stati Uniti: Andrea Pallaoro ora torna nella sua città natale per presentare Monica, il suo ultimo film, da pochi giorni nelle sale cinematografiche in tutta Italia e presentato in concorso alla 79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia.

Il film – distribuito da Arthouse, il nuovo progetto editoriale di I Wonder Pictures dedicato al cinema d’autore – sarà proiettato venerdì 9 dicembre alle 20.45 al Supercinema Vittoria di Trento, alla presenza del regista, per un evento a ingresso gratuito realizzato grazie alla collaborazione tra Comune di Trento, Trentino Film Commission e Trento Film Festival.

PRENOTAZIONI

«Siamo orgogliosi ed emozionati di rivedere a Trento Andrea Pallaoro, cittadino trentino e del mondo, le cui scelte autoriali mandano un messaggio di pluralità, pazienza nelle relazioni e libertà» dice Elisabetta Bozzarelli, Assessora alla cultura del Comune di Trento, che ha voluto fortemente questo evento dopo aver assistito alla prima a Venezia. «Il successo di Andrea Pallaoro nobilita ulteriormente la vocazione cinematografica della città: grazie alla storia del Trento Film Festival, all’impegno della Trentino Film Commission e agli investimenti privati di chi continua a credere nella magia del grande schermo, a Trento si respira cinema come in poche altre città in Italia».

«Quello di venerdì a Trento è un evento di qualità, con un regista che sta rendendo lustro al Trentino, scaturito da una collaborazione fra il Comune, il Trento Film Festival e la nostra Film Commission che sempre più è al centro di nuove proposte, idee, progetti, in una rete virtuosa fra produzioni, imprese, referenti del mondo cinematografico», sono le parole dell’Assessore provinciale all’istruzione, università e cultura Mirko Bisesti. «Pochi giorni fa ad esempio si è concluso con successo Cartoon artist, il corso di formazione dedicato all’animazione promosso da una pluralità di soggetti, e abbiamo già lanciato la seconda edizione, ma pensiamo anche alla certificazione Green Film, il protocollo che incentiva la sostenibilità ambientale, o alle tante produzioni importanti che stanno scegliendo il Trentino. Ecco, tutto questo ci rende orgogliosi del lavoro che la Film Commission, insieme agli altri soggetti del territorio sta portando avanti».

Monica è il ritratto intimo di una donna che esplora i temi universali dell’abbandono e dell’accettazione, del riscatto e del perdono. La protagonista della storia, Monica, torna a casa dopo una lunga assenza, ritrovando sua madre e il resto della sua famiglia, da cui si era allontanata da adolescente. Intraprende così un percorso nel suo dolore e nelle sue paure, nei suoi bisogni e nei suoi desideri fino a scoprire dentro di sé la forza per guarire le ferite del proprio passato.

«Negli ultimi anni, il confronto con la malattia di mia madre mi ha portato a riflettere sul mio passato e sugli effetti psicologici dell’abbandono. A partire da questa esperienza ho voluto raccontare una storia che esplorasse la complessità della dignità umana, le conseguenze profonde del rifiuto e le difficoltà nel guarire le proprie ferite» ha scritto Andrea Pallaoro. «Attraverso un linguaggio cinematografico che prende forma da un costante dialogo tra l’estetica dell’intimità e dell’alienazione, in bilico tra l’interiorità della protagonista e il mondo che la circonda, i miei collaboratori ed io ci siamo addentrati nel mondo emotivo e psicologico di Monica per riflettere sulla natura precaria dell’identità di ciascuno di noi quando è messa alla prova dalla necessità di sopravvivere e trasformarsi».

Monica è un film di Andrea Pallaoro, scritto da Andrea Pallaoro e Orlando Tirado, fotografia Katelin Arizmendi, montaggio Paola Freddi, scenografia Andrew Clark, costumi Patrik Milani, suono Mirko Perri. Prodotto da Gina Resnick, Christina Dow, Eleonora Granata Jenkinson, Andrea Pallaoro, coprodotto da Marina Marzotto, Mattia Oddone, Riccardo Di Pasquale, Gabriele Oricchio, Antonio Adinolfi, Giorgia Lo Savio. Una produzione Varient Entertainment, Solo Five Production, Melograno Films, in coproduzione con Propaganda Italia, Fenix Entertainment, Rai Cinema e Alacran Pictures, in associazione con 039 Albedo, The Exchange, Cinetrain e Hudson Entertainment Group, con il supporto di MiC – Direzione Generale Cinema e Audiovisivo.

GUARDA IL TRAILER DEL FILM

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.