Archivio
CAPITAN CROCHET
CAPITAN CROCHET
ROBERT NICOD
Francia / 1989 / 26'
CAPITAN CROCHET
ROBERT NICOD
Francia / 1989 / 26'

Nello scenario desertico del Parco Nazionale dello Yosemite (California) l'autore ci propone due tipi di arrampicatori. Da una parte vediamo Philippe Plantier che ci mostra le sue doti acrobatiche nell'arrampicata libera, senza attrezzatura, a mani nude... Uomo-ragno, capace di stare sospeso con la punta di un dito su una presa minuscola, capace di
disarticolarsi per effettuare una progressione, egli dimostra la sua abilità coniugata con eleganza. Una vera emozione estetica si libera davanti ad un concatenamento di gesti eseguiti con la grazia in un vero balletto verticale. L'arte di arrampicare richiede concentrazione, precisione e vivacità.
Dall'altra parte troviamo Xavier Bongard, un asso della scalata artificiale, che affronta una sfida personale che richiede intelligenza e tenacia, vale a dire vincere "El Capitan", una parete di 1000 metri. L'impresa richiede l'utilizzo di molto materiale come corde, chiodi, ganci, cibo ed acqua. ciò significa 115 chili di attrezzatura contenuta in tre sacchi che l'arrampicatore deve trascinare con sè in parete.
Dopo giorni e giorni estenuanti, a 800 metri, egli incontra il passaggio "If you fall you die". Xavier lo supera con l'utilizzo dell'attrezzatura portata in parete. Ogni giornata si presenta con le sue "miserie": il cibo spesso freddo, il vento, le unghie strappate, le scarpette sfilacciate, la stanchezza... Il quindicesimo giorno Xavier raggiunge la cima.

Regista

ROBERT NICOD

Ha iniziato la sua carriera cinematografica con Jean Paul Jassen in qualità di assistente alla regia nel film “La vie au haut des doigt”. Del “Opera Vertical”, sempre di Jassen, è stato operatore. Protagonista di questo film è Patrick Edinger con cui opera anche in campo fotografico. Nel 1986 ha realizzato il suo primo film, “E’ pericoloso sporgersi”, presentato a Trento dove ha vinto la Genziana d’ argento come miglior film sportivo. Partecipa nel 1992 al Festival di Trento con “Glace et ocre” la stori adi due ragazzi che intraprendono l’ ascensione di una impressionante cascata di ghiaccio.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.