Archivio

EL VIOLÍN

FRANCISCO VARGAS QUEVEDO

Messico / 2006 / 98'

La musica da sempre è un veicolo di comunicazione universale e può mettere in relazione individui molto diversi tra loro. E’ il caso di Don Plutarco, che con il figlio Genaro e il nipote Lucio vive una doppia vita: essi sono musicisti e umili contadini, ma sostengono anche la guerriglia campesina contro l’oppressione del governo. Quando i militari presidiano il loro villaggio, i ribelli fuggono sulle colline della sierra, abbandonando tutte le loro armi. Mentre la guerriglia si prepara ad organizzare un contrattacco, il vecchio Plutarco mette in pratica un suo piano personale. Finge di essere un indifeso e vecchio suonatore di violino e torna così al villaggio occupato per poter recuperare le armi, nascoste in un campo di grano. La musica del suo violino riesce a conquistare il capitano dei militari, che ordina a Plutarco di tornare ogni giorno a suonare per lui. Plutarco ha la musica ma non le armi, il capitano vorrebbe soffocare con l’esercito la ribellione, ma ama la musica. Il film è un omaggio al coraggio dei contadini messicani che hanno combattuto per la difesa dei loro diritti, ma anche alla ricchezza della musica della tradizione popolare messicana che oggi si sta perdendo.

Regista

FRANCISCO VARGAS QUEVEDO

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.