Archivio
Maciste alpino
Maciste alpino
Luigi Maggi, Luigi Romano Borgnetto
Italia / 1916 / 45'
Maciste alpino
Luigi Maggi, Luigi Romano Borgnetto
Italia / 1916 / 45'

Fin dalla sua prima apparizione nel leggendario Cabiria (1915) il personaggio di Maciste – interpretato da Bartolomeo Pagano, precedentemente camallo al porto di Genova – ha riscosso un successo crescente, che lo ha portato a affrontare, film dopo film, nemici spesso improbabili: da Zorro ai Ciclopi passando per Totò. Non sempre furono apparizioni memorabili, ma nella sua variegata filmografia Maciste alpino rappresenta senza dubbio una felice eccezione. Maciste e la sua troupe, impegnati nelle riprese di un film in un paesino al confine con l’Austria, vengono fatti prigionieri dalle guardie austriache, irritate dall’entusiasmo con cui hanno accolto la notizia dell’entrata in guerra dell’Italia. Per Maciste è un invito a mettere la sua leggendaria forza al servizio dei più deboli: libera i compagni, sconfigge gli austriaci e si arruola nel corpo degli alpini per combattere in montagna.
Sarebbe riduttivo liquidare Maciste alpino come un film di propaganda, sia per la capacità di inserire la violenza delle vicende belliche all’interno di episodi comici, sia per la vivacità di un racconto capace di far ridere anche il pubblico di oggi. La copia proiettata è frutto del restauro portato a termine nel 2014 a cura della Biennale di Venezia e del Museo Nazionale del Cinema di Torino presso il laboratorio L’Immagine Ritrovata di Bologna.

Registi

Luigi Maggi

Luigi Maggi nasce a Torino nel 1867. Inizia a lavorare come tipografo, coltivando parallelamente la passione per il teatro. Nel 1906 si avvicina al mondo del cinema, ricoprendo diversi ruoli: produttore, attore, regista. Nel 1908 gira Gli ultimi giorni di Pompei, capolavoro del filone storico, che gli apre la strada per numerose nuove produzioni capaci di imporsi anche all’estero. Richiamato alle armi nel 1915, riprende a realizzare film dal suo congedo fino al 1924. Muore a Torino il 22 agosto 1946.

Luigi Romano Borgnetto

Luigi Romano Borgnetto nasce a Torino nel 1881. Pittore di formazione, viene presto assunto nel mondo del cinema prima come scenografo, quindi come soggettista e regista. Nel 1914 firma le scenografie di Cabiria, in cui compare per la prima volta Maciste, che successivamente tornerà protagonista in numerose pellicole dirette da Borgnetto: Maciste (1915), Maciste bersagliere (1916), Maciste innamorato (1919), Maciste contro la morte (1920). Nel 1922 gira Maciste e la figlia del re dell'argento, una produzione tedesca per cui firmerà anche il suo ultimo lungometraggio, Maciste und der Sträfling Nr. 51 (1923).

Galleria

Mappa

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.