Trento Film Festival 365

Monte Bianco. Le età della passione

Pubblicata il 23/03/2018

La rassegna allo Spazio Orberdan di Milano continua con la proiezione di Au-delà des cimes di Rémy Tezier, in programma martedì 27 marzo 2018 alle 21.15.


Storie, miti, avventure, ritratti di personaggi sorprendenti nei racconti dal vivo di Marco Albino Ferrari e nei film del festival più antico del mondo. La rassegna “Le grandi montagne del mondo” continua ad emozionare allo Spazio Oberdan di Milano.

In programma, martedì 27 marzo alle 21.15, una serata interamente dedicata al Massiccio del Monte Bianco, culla dell’alpinismo mondiale, con le sue guglie di granito, le grandi pareti solcate da innumerevoli vie di salita, le atmosfere rarefatte degli anfratti più nascosti. Una grande serata condotta da Marco Albino Ferrari che racconta come questo mondo sia stato anche laboratorio di fotografia e cinema di montagna.

In programma, due film di assoluto valore: i pochi minuti di una delle più antiche pellicole mai girate sulla prima ascensione invernale di una delle cime più acute del massiccio, Dente del Gigante, ad operta del pioniere Mario Piacenza, che nel 1911 portò a 4013 metri gli oltre 15 chili della cinepresa Ambrosi (in collaborazione con il Centro di Cinematografia e Cineteca del CAI); e Au-delà des cimes, Genziana d’oro CAI 56° Trento Film Festival 2008: ritratto di uno dei più grandi personaggi dell’alpinismo, la fuoriclasse francese Catherine Destivelle, ed estetizzante testimonianza di un amore incondizionato per le scalate estreme in alta quota.

 

AU-DELÀ DES CIMES

di Rémy Tezier (Francia / 2008 / 75′)

Le inquadrature vertiginose riprese dall’alto o dal basso delle pareti di granito, i primi piani su una mano che procede a tastoni lungo una fenditura della roccia alla ricerca di un punto d’appiglio sicuro, esprimono meglio di qualunque altra cosa la forte passione per la montagna in questi paesaggi sontuosi che rappresentano un’autentica delizia per gli occhi. Il respiro affannoso e il soffiare del vento, che accarezza e poi maltratta quei corpi in movimento, danno allo spettatore un’idea dell’inesprimibile felicità di essere «lassù». La compagnia dell’altro, il compagno di cordata, nell’intimità di una staffetta su una parete di ghiaccio o di un bivacco in cima a un picco sottile, rendono l’idea del senso dell’amicizia. In una montagna esaltata come scenario, questo film tratta argomenti così profondi e importanti come la passione, la famiglia, l’amicizia, l’amore…. Catherine Destivelle, è uno dei più grandi personaggi dell’alpinismo e tra gli scalatori più conosciuti ai giorni nostri, sia in Francia che all’estero. La sua notorietà la rende un’eccellente ambasciatrice della montagna.

Visualizza il trailer.

A cura di Meridiani Montagne e Trento Film Festival, realizzato in collaborazione con Fondazione Cineteca Italiana e Club Alpino Sezione di Milano.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.