Archivio
HARD ROCKS
HARD ROCKS
HEINZ MARIACHER
Italia / 1988 / 36'
HARD ROCKS
HEINZ MARIACHER
Italia / 1988 / 36'

Il film - a mettà tra il documentario e la narrazione a soggetto - parte dalla casa di Heinz Mariacher, grande alpinista austriaco residente in Italia, in Alto Adige, e di Luisa Iovane, inseparabile compagna di vita e di scalate. I due vi abitano in compagnia di un gatto e di attrezzi sistemati nell'abitazione per gli allenamenti quotidiani. Heinz e Luisa partono per un viaggio negli Stati Uniti e si ritrovano a Las Vegas. Heinz sogna avventura e grandi spazi, montagne e deserti mentre Luisa ha ormai accettato la trasformazione dell'arrampicata in sport e agonismo. In America essi sperano di salire molte vie dure, ma alla fine Heinz si rende conto che dietro le luci scintillanti delle città non c'è nulla da scoprire. L'unico sogno che non lo deluderà mai è arrampicare e vivere libero nella natura.

Regista

HEINZ MARIACHER

Il regista. Heinz Mariacher nato nel 1955 in Tirolo/Austria e arrampica da più di vent'anni. E' arrampicatore professionista, ma anche fotografo, scrittore di montagna e consulente tecnico. Ha partecipato in qualità di attore ad alcuni film di montagna, diretti da registi quali Gerhard Baur, Hermann Magerer, Erich Lackner. Nel 1989 ha presentato a Trento "Hard rocks" la sua prima regia, con la valida collaborazione del cameraman Sepp Wormann.

Nato a Wörgl (Tirolo) nel 1955, è una leggenda dell'alpinismo contemporaneo. Figura fondamentale dell'evoluzione
dell'arrampicata nelle Dolomiti tra gli anni Settanta e Ottanta, con le sue salite ha contribuito all'innalzamento delle massime difficoltà superabili in arrampicata libera. Tra le vie aperte, spiccano quelle sulla parete sud della Marmolada (tra cui Harlekin del 1977, Hatschi Bratschi del 1978, Don Quixote e Vogelwild del 1979, Abrakadabra del 1980, Ombrello e Moderne Zeiten del 1982). Vanta anche, nel 1982, la seconda ascensione invernale della storica Soldà sulla parete sud-ovest della Marmolada. Ha poi dedicato la sua attenzione all'arrampicata sportiva, esplorando sistematicamente le pareti di Arco e della valle di San Nicolò e partecipando alle prime gare. La sua ultima via nuova, sul Sasso delle Undici (Marmolada), è del 2008: un sogno realizzato a più di trent'anni dal primo tentativo.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.