Archivio

MATTERHORN - DAS IST DER GIPFEL

JOCHEN WOLF

Germania / 1998 / 60'

Era il giorno dei disordini alla Bastiglia: il 14 luglio 1865 quando gli inglese Whymper Douglas, Hadow e Hudson furono i primi uomini a raggiungere la vetta del Cervino. Nella discesa perirono però quattro dei primi salitori.. finora questa montagna ha causato circa 500 vittime. La morte in un paradiso non ha solamente affascinato gli uomini del XIX secolo. Il Cervino si trasforma nell'ossessione, nel territorio di evasione e nello scopo di molti alpinisti. La città di Zermatt diviene meta di pellegrinaggio per alpinisti e turisti di tutto il mondo. Lo stesso si verifica per Cervinia. Il Cervino è certamente la più bella montagna del mondo. Il dramma della prima ascensione e la commercializzazione dei nostri giorno sono caratteristiche che segnano il lungo cammino tra l'ammirazione romantica e lo sfruttamento delle Alpi con il turismo di massa. Il film spazia tra la critica dei fenomeni di massa in vari periodi e la storia delle ascensioni rievocata con fotografie e stampe del passato e con brani di noti film tra i molti dedicati al Cervino ed alla lotta per la sua conquista.

Regista

JOCHEN WOLF

I registi. Jochen Wolf, nato nel 1940 a Berlino. Dopo gli studi (filosofia, sociologia) opera a Monaco come assistente regia (“Chronik der Anna Magdalena Bach”) e direttore di ripresa (BAVARIA). Dal 1968 autore e regista di documentari e rappresentazioni teatrali (NDR Amburgo). Dal 1988 direttore del dipartimento “cinema e teatro” e responsabile di numerose produzioni ARTE e serate a tema. Numerosi documentari, tra i quali: “Marty Feldman: What do I spy with my little eye?”, “Wolf Biermann”, “Verdrehte Welt”, “Das seh ich gern”, “Ein studierter Bauer”, “Der Kuss des Eisbären”, “Die Wut zu leben”, “Verabredung mit dem Zufall”, “Vom Terror zur Demokratie”, “Die gehasste Frau Jelinek”.
Han-Jürgen Panitz è nato a Ludwigshafen sul Reno. Dopo gli studi superiori ha lavorato fino al 1965 presso la Bayerischer Rundfunk nei settori acquisto programmi e relazioni internazionali. Dal 1968 è attivo come produttore, regista e sceneggiatore per la Omega Film e si è anche dedicato all’acquisto ed alla vendita di film e di diritti televisivi. Nel 1970 ha conosciuto Luis Trenker. Da allora fino alla morte del grande regista tedesco si è occupato della valorizzazione dell’intera sua opera sia a livello cinematografico che televisivo. Con il co-autore Nottebohm ha realizzato una biografia filmistica di Trenker dal titolo “Fast ein Jahrhundert”, e nel 1989 ha presentato a Trento un film sulla vita di un pioniere del cinema di montagna dal titolo “Wer war Arnold Fanck”e nel 1996 “Luis Trenker Project: I am a movieman”.

CATALOGO 1999 pag. 40 - 47^

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.