Archivio

GASINGALA - UN VIOLINO IN LESSINIA

ALESSANDRO ANDERLONI

Italia / 2001 / 18'

Nei paesi dei tetti di pietra, in Lessinia, si parla ancora il cimbro, l'antico idioma alto-tedesco, delle popolazioni nordiche che abitarono questo lembo di Prealpi venete a partire dal 101 a.C. "Gasingala" in cimbro significa piccola canzone ma per questi montanari il termine sta oggi per breve brano musicale. L'idea del film è stata quella di prendere un talento del violino e fargli suonare i "Capricci" di Paganini nei luoghi più suggestivi del Lessinia. Il virtuoso del concerto naturista è Giovanni Angeleri filmato in un set tra i più singolari: i pascoli alti dell'alpeggio. Non per caso, tra l'altro, "gasingala" significa anche scampanio delle mandrie, gorgoglio dei torrenti, silenzio di contrade.

Regista

ALESSANDRO ANDERLONI

Nato a Roma nel 1962. Regista, sceneggiatore e autore televisivo. Laurea in Scienze politiche, indirizzo internazionale presso la L.U.I.S.S. di Roma. Successivamente ha frequentato la scuola biennale di regia radiofonica e televisiva presso il Laboratorio delle Comunicazionei Sociali di Roma. Ha realizzato molti documentari di natura prevalentemente naturalistica per la SD Cinematografica, National Geographic Channel, Telemontecarlo e i tre canali RAI. In campo cinematografico ha lavorato alla sceneggiatura, con Sergio Leone, di “ un posto che solo Mary conosce” (1988). nel 1995 ha lavorato ancora alla sceneggiatura di “Cirano e i suoi fratelli” di Antonello Aglioti, selezionato alla 52a Mostra di Venezia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.