Archivio

KUKUSHKA

ALEXANDER ROGOZHKIN

Federazione Russa / 2002 / 100'

Nel settembre del 1944, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, i nazisti che occupavano la Finlandia arretrarono di fronte all'avanzata dell’esercito russo lasciando sul campo molti giovani finlandesi che avevano prestato servizio nelle file tedesche. Uno di questi, un giovane e valoroso studente finlandese di nome Veiko, viene incatenato ad una roccia con la missione di sparare al maggior numero di nemici russi. Egli era uno di quei soldati che i russi chiamavano “cuckoo”, il cuculo: un cecchino destinato al suicidio. Ma Veiko riesce a liberarsi ed a trovare rifugio nella fattoria di Anny, una giovane contadina lappone. Nella fattoria la ragazza aveva accolto anche Ivan, un capitano russo destituito con l’accusa di aver scritto alcune poesie sovversive. Il fragile equilibrio di quella particolare convivenza viene compromesso dal disprezzo di Ivan per Veiko e dalla difficoltà di comunicare. Infatti Anny, Ivan e Veiko parlano tre lingue diverse : sami (la lingua dei lapponi), russo, finlandese e sono quindi destinati ad una continua e reciproca incomprensione e il fraintendimento porterà a situazioni a volte comiche ma con risultati tragici.

Regista

ALEXANDER ROGOZHKIN

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.