Archivio

RUBARE METRI AL CIELO

ENRICO VERRA

Italia / 2007 / 28'

Rubare metri al cielo è il ritratto di una tribù metropolitana, di una comunità sportiva che sta rivoluzionando il mondo dell’arrampicata e coinvolge un numero sempre crescente di adepti. Paradossalmente, attraverso il racconto della storia di un gruppo di persone per cui ogni superficie è una superficie da arrampicare, compresi i muri e i cornicioni della città, Rubare metri al cielo offre altresì una riflessione su quell’ossessione che da sempre spinge l’uomo al confronto con la dimensione della verticalità. La narrazione si articola in tre momenti diversi; all’inizio Il protagonista, Marzio Nardi, ci guida attraverso i momenti più importanti del ciclo vitale di un masso, parallelamente, una serie di interviste ci guida all’interno della tribù dei sassisti, facendocene conoscere i protagonisti, i luoghi di ritrovo, i riti comuni e il background culturale. Dall’esplorazione delle grandi catene montuose (la scoperta del masso) si passa alla conquista delle vette attraverso vie sempre più difficili (il susseguirsi di passaggi sempre più estremi sul masso); mentre dalla fine del mito della linea impossibile (molti con tempo riescono a superare passaggi prima riservati ai fortissimi) si va alla ricerca di nuove frontiere in cui mettersi alla prova (la ricerca di un nuovo masso da pulire e conquistare).

Regista

ENRICO VERRA

Enrico Verra vive e lavora a Torino. Laureato in Storia e Critica del Cinema presso l’Università di Torino, ha frequentato la scuola di video-documentazione diretta da Daniele Segre e Gianni Volpi. Ha iniziato come aiuto regista con Davide Ferrario, Guido Chiesa, Daniele Segre, Bruno Bigoni. Esordisce alla regia nel 1991 con Real Falchera F.C. con cui vince il Gabbiano d’Oro a Bellaria nello stesso anno. Nel 1994 Il Sig. Rossi prese il fucile viene premiato al Festival Internazionale di Torino. Nel 1999 vince l'European Academy Award, sezione cortometraggi, con Benvenuto in San Salvario. Nel 2005 realizza il suo primo lungometraggio cinematografico, Sotto il Sole Nero, che nello stesso anno vince il 28° Festival du Film Italien Villerupt e il 2° Cimameriche Film Festival a Genova, oltre a ricevere il premio per la miglior regia al 9° Festival Cinema Italiano opere prime, Gallio (VI), sempre nel 2005. Con Vivo film ha realizzato nel 2008 il suo ultimo documentario, Scemi di guerra. La follia nelle trincee. La sua filmografia come regista include: La città che corre (2006), Sotto il sole nero (2005), Benvenuto in San Salvario, (1999), No man’s land (1995), il Sig. Rossi prese il fucile (1994) e Real Falchera (1991).

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.