Archivio

segar- gizzar - batter; in omagi a la fautsch

Bertilla Giossi

Svizzera / 2008 / 25'

Questo film è dedicato alla falce. Falciare non è solo un'operazione meccanica agricola, nasconde un rituale millenario e una vera e propria arte. La falce è un oggetto che ancora oggi per il contadino significa contatto con il terreno, rapporto con la natura, gioia e fatica del raccolto. Nessuna falce è uguale ad un'altra. Ogni contadino ereditava quella tradizionale della famiglia o ne cercava una più adatta possibile a sé. Qualcuno addirittura la costruiva con le proprie mani. Ancora oggi vive quella generazione di contadini che si è costruita da sola il prezioso attrezzo e che conserva l'arte di saperlo creare. Oggi in Svizzera non vengono più fatte le falci manualmente, ma in Austria ci sono due aziende che ne costruiscono circa mille pezzi all'anno. Un viaggio alla scoperta di questo oggetto, un tempo non molto lontano indispensabile all'uomo, che oggi viene considerato un nostalgico e grezzo pezzo da museo.

Regista

Bertilla Giossi

Bertilla Giossi nasce nel 1961 a Rueras, Svizzera. Dopo gli studi universitari presso la Universität Zürich, dal 1991 al 1997 lavora nella redazione della Radio Rumantsch. Dal 1998 è redattrice e regista di documentari per la Televisiun Rumantscha, dove dal 2009 è anche produttrice. Una selezione della sua filmografia: Curaschi civil (2002), ArchitecTour de Suisse: Bearth&Deplazes (2002), Gea, jau vi - nozzas a Falera ier ed oz (2005), Minoritads en l'Europa: Cornics da la Gronda Britannia (2006), Svizra Misteriusa: la diala alpina (2007) e La Donata (2008).

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.