Archivio
Un giorno in Barbagia
Un giorno in Barbagia
Vittorio De Seta
Italia / 1958 / 14'
Un giorno in Barbagia
Vittorio De Seta
Italia / 1958 / 14'

In Barbagia, vasta regione della Sardegna che comprende i paesi di Orgosolo, Oliena e Manoiana, gli uomini sono per la maggior parte dediti alla pastorizia e restano lontani dal villaggio e le donne devono provvedere interamente alle faccende domestiche e ai figli. Così, in un silenzio rotto soltanto dai loro canti e dall'arrivo sporadico della corriera, le donne fanno la legna, curano i figli, zappano la terra e, per riposarsi, si mettono a cucire fuori dell'uscio.

Regista

Vittorio De Seta

Nato a Palermo il 15 ottobre del 1923, dopo aver frequentato a Roma la facoltà di Archittetura, negli anni 50’ interrompe gli studi universitari per dedicarsi al cinema. Inizia a lavorare come aiuto regista e co-sceneggiatore di Jean Paul Le Chanois. Tra il 1954 e il 1955 realizza e produce numerosi cortometraggi in cinemascope ambientati nella sua terra: “Isole di fuoco” (1954), “Surfarara”, “Contadini del mare”, “Pasqua in Sicilia”, “Parabola d’oro”, “Lu tempu de le pesci spada” del 1955 e “Pescherecci”. Questi documentari di grande prestigio, tra i migliori mai realizzati sul sud d’ Italia, ottengono numerosi riconoscimenti in Italia e all’ estero. A seguito del soggiorno del soggiorno in Sardegna cura la regia di “ Un giorno in Barbagia” (1959) da cui trarrà ispirazione per il suo primo lungometraggio “Baditi a Orgosolo” , del 1961, con cui vince il premio FICC “Opera prima” alla Mostra del cinema di Venezia e il Gran Premio al Filmfestival “ Città di Trento”. Nella sua lunga carriera si divide tra la fiction, i documentari e la televisione: “Un uomo a metà” (1966), “L’inviata” (1969), “Diario di un maestro” (1973), film televisivo in quattro puntate tratto da un romanzo autobiografico di Albino Bernardini; l’opera, grazie all’enormesuccesso di pubblico ottenuto, segna l’ inizio di una lunga collaborazione tra De Seta e la Rai, “Un anno a Pietralata”, “ Hong Kong, città di profughi” (1980), “ In Calabria” (1993), un ritratto della gente calabra che segna, dopo dieci anni di silenzio, il ritorno alla regia di De Seta.

CATALOGO 2004 52° pag. 91 ISOLE DI FUOCO (Genziana alla carriera) A/04

.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.