Trento Film Festival 365
SELVA OSCURA

SELVA OSCURA

Concerto - Opera musicale, performativa, sonora e luminosa, con ascolti in cuffia, ispirata all'inferno di Dante ed al suo immortale viaggio negli inferi e nell'anima più profonda dell'uomo.

FORESTA_CAMMINO_DEGLI_DEI_FOTO_ANTONIO_VISCIDO_piccolaa.jpg

In occasione dei 700 anni della morte di Dante, Miscele d’Aria Factory, in collaborazione con il Trento Film Festival presenta un concerto-opera-reading performativa di tipo emozionale ed immersiva, ispirata alla Divina Commedia ed in particolare all’Inferno.

Un viaggio musicale, di poesia, parola e suono, visionario ed onirico che si vuole cimentare con il più famoso e visionario dei viaggi di fantasia all’interno degli inferi descritto dal Sommo Poeta. Ci addentreremo, con coraggio e libertà espressiva, in un’avventura senza tempo, per ripercorrere il cammino del Sommo Poeta attraverso stralci dei suoi immortali Versi. Attraverseremo selve oscure, gironi infernali popolati da peccatori e dannati, insidiose acque in compagnia di poeti ed eroi mitici, limbi sognanti e cupi varchi, per “uscire” sul finale, “a riveder le stelle”. Una metafora contemporanea del periodo buio che stiamo attraversando con fatica, con un augurio di rinascita e di speranza.

La rivisitazione di quest’opera immortale sarà in chiave originale, contemporanea, contaminata, musicale e sensoriale, in stile Miscele d’Aria Factory.

Questi gli elementi fondamentali dell’opera:

La musica, eseguita dal vivo da 5 musicisti, con innesto di parti elettroniche registrate, sarà ispirata a canti medioevali (in latino - 1200), sia profani che sacri (tra cui alcuni tratti dai Carmina Burana) con arrangiamenti contemporanei, avvolgenti e onirici ma anche ritmici e pieni di energia (in stile rock – pop – progressive – dub - elettronica). La scelta in particolare di questi canti tratti dai Carmina Burana è legata sia al fatto che sono coevi con il periodo di la formazione culturale di Dante, sia perché contengono, al pari dell’Inferno, delle forti critiche sociali ai costumi dissoluti dell’epoca. Si pensi al canto Ecce torpet probidas che dice (traduzione in italiano): l’onestà è morta, la virtù è sepolta, la generosità è ormai rara e l’avarizia dilaga, la falsità dice il vero e la verità si fa menzogna. Tutti calpestano la legge e praticano impunemente azioni illecite. L’affinità con i gironi danteschi pieni di falsi, avari, fraudolenti ecc. risulta particolarmente interessante ed intensa, fonte di ispirazione, e particolarmente attuale.

Questo elemento di raccordo culturale verrà rappresentato al pubblico attraverso una breve presentazione prima dell’inizio del concerto, anche per dare una chiave di “lettura” dello stesso.

 

Fotografia: Antonio Viscido ©

Date
14/09/2021 18:00
Luogo
Piazza Dante
Piazza Dante
Trento

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.