Trento Film Festival 365

Il Trento Film Festival ricorda il grande regista Ermanno Olmi

Pubblicata il 07/05/2018

C’era un legame particolare che univa il grande regista Ermanno Olmi al Trento Film Festival: un legame di amicizia, per una rassegna che definiva “gloriosa”; un legame artistico, per avere partecipato alla manifestazione con le proprie opere, come nel 2010 con il film Le rupi del Vino, sui vigneti terrazzi della Valtellina; o nel 2008, al 56. Trento Film Festival, quando presentò il film Kalkstein – La valle di pietra, di cui curò la sceneggiatura insieme all’allievo Maurizio Zaccaro, traendola dalla novella “Kalkstein”, di Adalbert Stifter.

 
«Una partecipazione quella del 2008 – ha evidenziato il presidente del Trento Film Festival, Mauro Leveghi, che ha lasciato il segno, non solo per la bellezza e l’eleganza del film, come d’altra parte tutte le opere di Olmi, ma soprattutto per il messaggio di amore che ha lasciato a tutti noi, facendoci capire i grandi valori che custodiscono nei loro cuori chi dedica, nell’ombra e nel silenzio, la vita agli altri, con spirito di abnegazione e semplicità. Lontano dai riflettori. Un messaggio ancora attuale che conserviamo insieme al ricordo del sorriso affettuoso e coinvolgente del grande regista. La sua scomparsa lascia un grande vuoto, ma non i suoi insegnamenti che costituiranno un tesoro per tutti coloro che amano il cinema ».

 
Ad Ermanno Olmi nel 1959 è stata assegnato al Trento Film Festival il “Rododendro d’Oro”, per il film Il tempo si è fermato. Nel 2012 ha ricevuto anche il prestigioso Premio dell’International Alliance for Mountain Film che gli fu consegnato dall’allora presidente del Trento Film Festival, Roberto De Martin. L’associazione, che riunisce i più importanti festival di cinema di montagna nel mondo, riunitasi proprio a Trento in occasione della sessantesima edizione della rassegna cinematografica, decise di conferire il riconoscimento al celebre regista e sceneggiatore “per la sua opera di valorizzazione del cinema di montagna, attraverso importanti film documentari e a soggetto, e per aver avviato una scuola di cinema di settore”.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.