Archivio

BIRMANIA

MARIO NARDIN

Italia / 1999 / 34'

Attraverso una serie di immagini belle, affascinanti e realistiche il film racconta la vita del popolo birmano nelle case, nei monasteri e sulla strada. Chiusa per molti anni al turismo da un autoisolamento internazionale, la Birmania si presenta oggi come un paese con forti contrasti sociali, popolato da diverse etnie e gruppi tribali che non riconoscono nello stato birmano la loro sede storica e nazionale. La forzata svolta al modernismo, voluta dalla dittatura militare, ha avuto il solo effetto di aprire nuove piaghe, accentuare la diseguaglianza, estendere la miseria. Unica forza coesiva del paese, sul quale incombe la continua minaccia di una guerra civile, è la fede nel buddismo.

Regista

MARIO NARDIN

Nato a Bolzano nel 1948 è laureato in Medicina. Da molti anni si dedica alla realizzazione di documentari soprattutto a carattere etnografico, cercando testimonianze sulle popolazioni più sconosciute e dimenticate del pianeta. La sua filmografia comprende: Irian Papua (1997), Pachamama (1998), Surma (1998), Destinazione Koutiala (1998), Birmania (1999), Ladakh (2001) e Azalai, La carovana del Sale (2002). Con il film Groenlandia, un destino di Ghiaccio nel 2001 vince il Premio per il miglior film d'autore italiano al TrentoFilmfestival.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.