66. Trento Film Festival

PAESE OSPITE E MANIFESTO DELLA 66. EDIZIONE DEL FESTIVAL

TFF_565x270_2018-small

Il Giappone protagonista della sezione “Destinazione…”

Il manifesto della rassegna firmato da Philip Giordano

Il Giappone sarà il Paese ospite della sezione “Destinazione…” della 66. edizione del Trento Film Festival che si svolgerà a Trento dal 26 aprile al 6 maggio.
Dopo Finlandia, Russia, Turchia, Messico, India, Cile e Islanda quest’anno la rassegna ci porterà alla scoperta del Paese del “Sol levante” attraverso un ricco programma cinematografico, di eventi, mostre e incontri con gli autori che metteranno in luce tutti gli aspetti sociali e culturali di questo straordinario e affascinate Paese.
Sarà come un vero e proprio viaggio, durante il quale si parlerà anche dei postumi di un trauma come quello della catastrofe nucleare di Fukushima del profondo e straordinario legame spirituale dei giapponesi con le montagne e le foreste. Temi, questi, del rapporto spirituale tra l’uomo, la montagna e la natura, molto cari al festival che saranno trattati anche durante la 66. edizione, confermando l’impegno della manifestazione nei confronti del ambiente, stimolando riflessioni, dibattiti, incontri, con l’obiettivo di coinvolgere sempre più il territorio, di cui il festival stesso è espressione, laboratorio di idee e luogo d’incontro.
Il programma cinematografico e di eventi dedicato al Giappone sarà realizzato con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto.

Il manifesto della rassegna quest’anno è firmato dall’illustratore e graphic designer Philip Giordano. Madre filippina, padre svizzero, Philip Giordano è nato a Savona nel 1980 e da qualche anno vive a Shibuya, in Giappone. Ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Brera, studiato illustrazione allo IED di Milano e approfondito gli studi con un Master a Torino.

TFF_2018_locandina_35x50_2018

«Se dovessi descrivere con una parola il manifesto della 66. edizione del Trento Film Festival, direi “freschezza” – ha spiegato la direttrice del Trento Film Festival, Luana Bisesti -.  Il tratto di Philip Giordano, artista italiano, ma per la sua formazione artistica e di vita appartenente al mondo, è infatti sempre fresco e leggero, riuscendo ad esprimere nello stesso momento i sentimenti di gioia e stupore provati da un bambino o da un adulto al cospetto di un cielo stellato o di una montagna. L’artista vive in questo momento in Giappone, Paese ospite della Sezione “Destinazione…” e il manifesto di quest’anno, che per i colori e la levità delle linee ci riporta alla cultura di questo Paese, ci propone un viaggio immaginario e avventuroso alla scoperta del mondo che si apre oltre i confini delle montagne, proiettandoci in un cielo costellato di futuro, speranza e sogni».

In occasione del 66. Trento Film Festival, Philip Giordano presenta la mostra personale “Storie dell’arcipelago sottosopra“, un viaggio visivo tra fiabe e personaggi della cultura giapponese. A cura di Monaca Monachesi per la Fondazione Zavrel. Tutte le informazioni qui.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.