66. Trento Film Festival
INCONTRI AD ALTA QUOTA

INCONTRI AD ALTA QUOTA

di Stefano Ardito, Corbaccio

Emozioni tra le pagine

Trentacinque interviste, che raccontano un secolo di arrampicata e avventura: grandi personaggi dell’alpinismo mondiale, da Fritz Wiessner e Riccardo Cassin fino a Walter Bonatti e Reinhold Messner, e a campioni di oggi come Simone Moro, David Lama, Nives Meroi, Alex Huber e Adam Ondra. A dialogare con l’autore sarà il celebre alpinista Pierluigi Bini, per la prima volta al Trento Film Festival. Un arrampicatore di Roma che, negli anni Settanta e Ottanta, ha rivoluzionato l'arrampicata su roccia, tracciando vie straordinarie sulle pareti del Gran Sasso. E che ha dato un contributo importante al balzo in avanti dell’alpinismo dolomitico compiendo tra l’altro le prime solitarie di grandissime vie come la Detassis al Croz dell’Altissimo, la Gogna alla Marmolada e la Via dei Fachiri alla Cima Scotoni. Rievocare quelle salite compiute in velocità e in bello stile, con le scarpe da tennis ai piedi, sarà l’occasione per ricostruire una pagina di grande importanza della storia dell’alpinismo sui Monti Pallidi.

 

Pierluigi Bini sulle Dolomiti alla fine degli anni Settanta

Pierluigi Bini sulle Dolomiti alla fine degli anni Settanta

Area archeologica di Palazzo Lodron
Piazza Lodron - Trento

02/05/2018
18:30